dallUniversità della Cura
alla Cultura della Salute
Soldi

03 dicembre 2017


Tassare l’alimentazione
Favorire il cibo buono scoraggiare quello dannoso per la salute: si eviterebbero il 3,5% delle malattie metaboliche

Favorire il mercato di frutta, verdura, cereali integrali e frutta secca. Scoraggiare in termini di acquisto di carne rossa e lavorata e bevande zuccherate. Abbassando del dieci per cento il prezzo della prima tipologia, aumentando la seconda tipologia di alimenti, si eviterebbero negli Stati Uniti ventitremila morti l'anno. Gli effetti di malattie devastanti come ictus e diabete si attenuerebbero. Si eviterebbe il dieci per cento dei morti di coloro che sono affetti da queste malattie. In altri termini, diffondere la pratica delle diete, ridurre le malattie cardiovascolari, diminuire il loro impatto sulla spesa sanitaria. È il trittico sul quale una ricerca predica l’opportunità di interventi fiscali sugli alimenti per attuare strategie finalizzate a diffondere la pratica delle diete. L’effetto sarebbe anche quello di affrontare le disparità di salute. È giusto, quindi, intervenire sul prezzo di sette tipologie di cibo. Si eviterebbero così decine di migliaia di morti l'anno per malattie cardiometaboliche. In testa a tutti il diabete.

 

 



fonte:

BMC Medicine

da scaricare:


vuoi commentare l'articolo?
il tuo indirizzo IP è 34.230.84.215



link da usare per condividere l'articolo

Condividi il sito su Facebook



tutti gli articoli su
Soldi
ArticoloTrentadue.it
all rights reserved
sito realizzato da AkwabArt