dallUniversità della Cura
alla Cultura della Salute
Statocentrale

20 settembre 2015


Spesa sanitaria
Nel 2015, centoundici miliardi. Nel 2016, centotredici. Nel 2017, centoquindici. Nel 2018, centodiciassette. Nel 2019, centoventi.

Sono le previsioni contenute nella Nota di aggiornamento del documento di economia e finanza (Def) del 2015. Il governo della repubblica l'ha approvata il 18 settembre, quindi trasmessa al Parlamento.

Gli incrementi ipotizzati, da oggi al 2009, sono del due per cento. Ma se il Pil dovesse aumentare – come sbandiera lo stesso governo – non si tratterà di incremento, semmai di tentativo di distribuzione della ricchezza complessiva.

Sempre la nota, però, implica un aggiornamento al Def. Si ravvisa infatti la diminuzione dell'incidenza della spesa per la salute sul prodotto interno lordo: dal 6,8% del 2015 (uno dei più bassi in Europa), passerà infatti al 6,5% del 2019, con un decremento dello 0,3%.






fonte:

Governo

da scaricare:


vuoi commentare l'articolo?
il tuo indirizzo IP è 54.91.121.255



link da usare per condividere l'articolo

Condividi il sito su Facebook



tutti gli articoli su
Statocentrale
ArticoloTrentadue.it
all rights reserved
sito realizzato da AkwabArt