dallUniversità della Cura
alla Cultura della Salute
Statocentrale

23 ottobre 2015


Stato-regioni
Rischia di andare a carte quarantotto la trattativa infinita

L'aumento di un miliardo rispetto ai tre previsti dall'accordo pluriennale sull'accordo Stato-regioni per quanto riguarda il deficit sanitario ha fermato il tavolo della continua trattativa. In più c'è un altro problema. Il miliardo pare sia vincolato per 800 milioni alla definizione dei nuovi Lea. Lo ha detto Sergio Chiamparino spiegando così le sue dimissioni da presidente della conferenza Stato-regioni.

Sulla Sanità gli enti regione in più debbono vedersela col rinnovo dei contratti. Una revisione che significherà quattrocento milioni. Ci sono le spese per i farmaci innovativi e quelli sulle vaccinazioni. In sostanza pare proprio che la convergenza sia lontana a trovarsi, tra governo e governatori. Ed è anche il piano della chiarezza negli intenti a fare impressione. Sergio Chiamparino ha infatti aggiunto. “Il governo chiarisca se queste risorse stanno nel Fondo sanitario o meno, perché comporta una differenza significativa per il bilancio delle Regioni. La risposta a questi quesiti non è irrilevante per capire se questo miliardo in più inserito nella legge di Stabilità è capiente o no”.

A dare una mazzata finale ai rapporti già logori ci si è messa anche la dichiarazione del ministro Beatrice Lorenzin per cui affidare la sanità alle regioni è stato un grande errore.



fonte:

Agi

da scaricare:


vuoi commentare l'articolo?
il tuo indirizzo IP è 3.84.182.112



link da usare per condividere l'articolo

Condividi il sito su Facebook



tutti gli articoli su
Statocentrale
ArticoloTrentadue.it
all rights reserved
sito realizzato da AkwabArt