dallUniversità della Cura
alla Cultura della Salute
Statocentrale

26 gennaio 2016


“Medicina difensiva” addio
La Camera discute le Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario: ddl Gelli

Il contenzioso col medico per presunta inadeguatezza nella sua prestazione professionale è un problema sollevato una miriade di volte negli ultimi anni. Oltre a costituire un rapporto di cancellazione della naturale fiducia tra chi cura e chi è curato, porta al lievitare i costi della sanità per le pratiche diagnostiche che i medici mediamente prescrivono al fine di non apparire superficiali nella ricerca della fenomenologia della malattia. 

IL contenzioso potrà essere affidato al Difensori civico. Istituito l’Osservatorio nazionale sulla sicurezza nella sanità presso l’Agenas.

Trasparenza di terapie e metodiche: entro trenta giorni dalla richiesta la direzione sanitaria deve fornire la documentazione clinica relativa al paziente.

Si stabiliscono linee guida: pratiche assistenziali.

Responsabilità: l'operatore sanitario risponde dei reati di omicidio colposo e lesioni personali colpose solo in caso di colpa grave.

Responsabilità civile: responsabilità delle strutture sanitarie verso chi svolge la propria attività inverte l'onere della prova a carico del paziente.

Conciliazione: l’azione tecnico-preventiva è affidata al perito a cui sono affidati tutti i tentativi possibili. L'accertamento preventivo è obbligatoria anche le compagnie assicuratrici.




fonte:

Ministero salute

da scaricare:

4.jpg
legge.pdf

vuoi commentare l'articolo?
il tuo indirizzo IP è 54.91.121.255



link da usare per condividere l'articolo

Condividi il sito su Facebook



tutti gli articoli su
Statocentrale
ArticoloTrentadue.it
all rights reserved
sito realizzato da AkwabArt