dallUniversità della Cura
alla Cultura della Salute
Statocentrale

27 giugno 2017


Salviamo il servizio sanitario pubblico
Quel che offrono le prospettive dalle evidenze di una ricerca di Gimbe

“A dispetto delle pessimistiche previsioni che per il 2017 oscillavano da possibili tagli a 1 solo miliardo

di euro di aumento, il 15 ottobre 2016 in occasione della presentazione della Legge di Bilancio 2017 è

stato annunciato un aumento del fondo sanitario nazionale di € 2 miliardi9, una cifra consistente rispetto

agli incrementi irrisori – se non addirittura alle riduzioni – degli anni precedenti. Nonostante la crisi di

Governo seguita all’esito della consultazione referendaria, il comma 392 della Legge di Bilancio 2017 ha confermato il finanziamento del fabbisogno sanitario nazionale standard: € 113 miliardi per il 2017, € 114 per il 2018 e € 115 per il 2019”. A dirlo è la fondazione denominata Gimbe ( Gruppo Italiano per La Medicina Basata sulle Evidenze ).

Nel 2025 – dicono - il fabbisogno del sistema sanitario nazionale sarà di duecentodieci miliardi di euro. La proposta per arrivare agli standard necessari con gli investimenti indicati consiste nel dare apporto costante ai tre “cunei di stabilizzazione”. I tre cunei sono indicati:

1) nel piano nazionale di disinvestimento da sprechi e inefficienze;

2) aumento della quota intermediata della spesa privata;

3) adeguata ripresa del finanziamento pubblico.

Sono queste le condizioni per la tenuta del nostro sistema sanitario.

fonte:


da scaricare:

GIMBE.pdf

vuoi commentare l'articolo?
il tuo indirizzo IP è 52.91.176.251



link da usare per condividere l'articolo

Condividi il sito su Facebook



tutti gli articoli su
Statocentrale
ArticoloTrentadue.it
all rights reserved
sito realizzato da AkwabArt