dallUniversità della Cura
alla Cultura della Salute
Statocentrale

15 dicembre 2017


La pillola contro il cancro
Il trattamento di terapia genica si annuncia con costi esorbitanti, quattrocentomila euro

Si chiama Kymriah. La produce Novartis. IL paziente entrando in questa terapia consegna le sue cellule e le reintroduce nell’organismo in modo geneticamente modificato. Si tratta di una metodica eseguita solo una volta. Verrebbe applicata solo quando le consuete terapie non avrebbero più effetto. Si pone la lecita domanda che questo indirizzo è motivato esclusivamente dagli alti costi, non da opportunità terapeutiche. Perché non somministrarlo ad ogni malato? Solo perché costa troppo? Chiaro che la deduzione che si pone guarda al costo reale della vita di una persona.  E chi può pagare, vive. Chi non può, muore. La consolazione è la prospettiva di abbattere i prezzi. Questo grazie, alla diffusione della produzione, ma la diffusione della produzione sarà possibile quando i sistemi sanitari riusciranno a farsi carico di importanti acquisti eliminando il costo di esami diagnostici inutili e dai trattamenti eccessivi.


fonte:

Novartis

da scaricare:


vuoi commentare l'articolo?
il tuo indirizzo IP è 3.84.182.112



link da usare per condividere l'articolo

Condividi il sito su Facebook



tutti gli articoli su
Statocentrale
ArticoloTrentadue.it
all rights reserved
sito realizzato da AkwabArt